Hotel Transylvania 3 – una vacanza mostruosa


Qualche giorno fa io e Asia siamo andate all’anteprima di Hotel Transylvania 3 (in sala dal 22 agosto) con poche aspettative, solitamente non amo le saghe dei cartoni che più mi hanno divertito perché temo sempre che la delusione sia dietro l’angolo.

Hotel Transylvania 3

Hotel Transylvania 3 è  divertente e non delude le aspettative però a differenza di altri cartoni adatti anche ad un pubblico adulto, questo strizza l’occhio maggiormente ai più giovani con battute divertenti ma semplici e musica dance.

Siri: Cosa desideri Signore delle Tenebre?
Dracula: Vorrei un appuntamento!
Siri: Vuoi soluzioni per il doppio mento?
Dracula: No no no, voglio trovare una fidanzata!
Siri: Capito. Vuoi mangiare una cassata?
Dracula: Non capisci! Voglio uscire con una donna! Mi sento solo
Siri: Capito. Vuoi un cannolo?

Nel nuovo film d’ animazione della Sony Pictures Animation, Dracula decide di concedersi una crociera con la famiglia e prendersi finalmente una pausa dal lavoro su insistenza della figlia Mavis che lo vede un stressato e quindi decide di regalare una vacanza al suo papà.

A bordo della nave da crociera i mostri si divertono moltissimo e partecipano a tutte le attività e le attrazioni di bordo: dalla pallavolo per mostri ai colossali buffet, alle insolite escursioni. Ma la vacanza da sogno si trasforma in incubo quando Mavis scopre che per Drac è scattato il tanto atteso “zing” per Ericka, misterioso capitano della nave, che nasconde un pericoloso segreto che potrebbe distruggere la razza dei mostri.
Lo zing capita solo una volta nella vita, sarà ancora una volta l’amore a trionfare o questa volta è troppo anche per la combriccola di mostri?
MAMASIMAMOMETRO: Il film è adatto ai ragazzi ma non ai più piccoli. Gli adulti si divertiranno ma non è il cartone che vorremmo vedere, rivedere e vedere nuovamente.
Interessante il messaggio finale di come sia utile fare gruppo per “vincere” e di come il razzismo  sia solo un punto di vista che può facilmente essere cambiato.
TRAILER: 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *