Luneur Park di Roma, come tornare bambini.


Il LunEur, per molti ragazzi romani degli anni ’70, ’80 e ’90, ha significato il primo bacio, la prima cotta, la prima volta che si è saltata scuola ma anche la prima montagna russa e la prima casa degli orrori.

Nonostante fosse il parco giochi più antico d’Italia (venne realizzato nel 1953), non era bello e moderno come i maggiori parchi divertimenti ma aveva un fascino grottesco e un sapore retrò che ti rapiva e divertiva.

Chiuse nel 2008 perché ormai “abbandonato” e troppo obsoleto per riaprire nel 2016 in una veste tutta nuova e lo ammetto…avevo una paura tremenda a tornarci perché volevo lasciare i miei ricordi ancorati al BrucoMela, alla ruota panoramica che svettava in cielo e che cercavi già dalla strada, alla Horror House e a Nessie (il mostro di Lochness che ti attendeva per un tour del laghetto non appena entravi).

Il nuovo Luneur Park ha tutta un’altra veste, è un parco giochi per bambini dai 0 ai 12 anni.

Tantissime giostre come il nuovo Brucomela, la giostra dei cavalli di Re Artù (la preferita da Asia!), Giò Caschetto (un percorso sulle macchine da lavoro nel “cantiere” del parco), Jumbo, Volasù, Torrefronda e molte altre. Ma anche laboratori e giochi come il Bosco di Maia (un percorso avventura per i bimbi più grandi) o il Magicirco (un percorso divertente nei vagoni del Treno di Fiaba).

Luneur

Jumbo

Luneur

Giostra dei cavalli di Re Artù

All’ingresso troneggia ancora la grande ruota panoramica in veste moderna.

 

Luneur - ruota panoramica

Luneur - ruota panoramica

Camminando per i vialetti non si può non fare un salto nella memoria e andare alla ricerca di vecchi cimeli. C’è ancora la Horror House (non funzionante ma si possono scorgere le sue mitiche poltrone fantasma!), il “frullastomaco” Rotor e il Gufo della Magic House (anch’essi non funzionanti) e se guardate bene si possono scorgere i resti del treno delle miniere e della Pasaje del Terror.

Luneur

Horror House

Luneur

Pasaje del Terror

Si paga un ingresso di 2,50€ a prescindere dall’età perché i giochi vanno in base all’altezza dei bimbi (i bambini sotto gli 80 cm non pagano e fanno poco e nulla all’interno del parco).
Si entra con un braccialetto che si può caricare di volta in volta con le Lunalire (non conviene granché soprattutto per bambini che superano i 90cm e possono fare diverse cose!) oppure si può fare un biglietto illimitato dal costo di 18€ e fare tutte le giostre che si vogliono senza limiti. Noi ad esempio abbiamo preso il biglietto illimitato ma essendo Asia poco al di sotto dei 90 cm non ha fatto molto (neanche la ruota panoramica che tanto aspettavo!!!)

Anche i genitori pagano l’ingresso e spesso (soprattutto nel caso di bimbi sotto i 90cm devono accompagnare i propri figli sulle giostre e quindi caricare di volta in volta oppure prendere il biglietto illimitato. Se solo un genitore accompagna il figlio sulle giostre conviene fare un ingresso da 2,50€ e un biglietto illimitato!).

Il Luneur Park è carino ma a mio avviso non è adatto a bambini troppo piccoli, forse meglio dai 3 anni in poi. Per i genitori va sempre bene!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *