25 novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne


“Per tutte le violenze consumate su di lei,
per tutte le umiliazioni che ha subito,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per l’ignoranza in cui l’avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete tappato,
per le sue ali che avete tarpato,
per tutto questo:
in piedi, signori, davanti ad una Donna!”

William Shakespeare

25 novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

 

Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (questo il suo nome completo). Una data precisa: in questo stesso giorno del 1960, furono uccise le tre sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana. È una data importante, per ricordare a tutti che il RISPETTO è alla base di ogni rapporto e che non possiamo continuare a veder crescere il numero delle donne che subiscono violenza.

Le violenze sono tutte gravi e tutte devono essere combattute, denunciate e condannate. Possono assumere forme diverse e sono tutte inaccettabili.

Violenza: “forza impetuosa, incontrollata. Azione volontaria esercitata da un soggetto su un altro, in modo da determinarlo ad agire contro la sua volontà. Dal latino violo, avi, atum, are: usare violenza, violare, oltraggiare, far male, maltrattare”.
Quindi violenza e maltrattamento sono sinonimi.

Un dato allarmante ma purtroppo reale: nel 2017 una vittima ogni 3 giorni.

Dobbiamo tener presente che anche i minori possono assistere a questi tipi di abusi.

Non ci si rende conto dei danni provocati ai minori che peraltro possono anche essere portati all’emulazione. Piccole violenze crescono: dobbiamo decisamente arginare questo pericolo e dobbiamo tutelare le piccole vittime della cosiddetta violenza assistita. Ancora una volta serve parlare del fenomeno.

La cura, il dialogo, l’affettività sono tratti distintivi di un buon ambiente familiare. Purtroppo però a volte questo equilibrio viene a mancare e le famiglie si trasformano in luoghi insicuri dove i comportamenti violenti agiti dagli uomini nei confronti di madri e figli compromettono la salute fisica e mentale di entrambi.

25 novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

La violenza assistita è stata definita dal Cismai (Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l’Abuso dell’Infanzia) come “il fare esperienza da parte del/la bambino/a di qualsiasi forma di maltrattamento, compiuto attraverso atti di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica, su figure di riferimento o su altre figure affettivamente significative adulti e minori”.

A proposito di violenza domestica, Ermal Meta ha scritto una canzone “Vietato Morire” nel 2017 :

Ricorda che l’amore non è violenza”

“Scegli una strada diversa”

“Ricorda di disobbedire perché è vietato morire”

“Cambia le tue stelle, se ci provi riuscirai
e ricorda che l’amore non colpisce in faccia mai”

Bisogna disobbedire alla violenza, ovvero rifiutarla anche se questo è l’insegnamento che si riceve dal proprio genitore, come in questo caso. E lasciare spazio al coraggio, alla forza, alla speranza. E di dare all’amore un futuro diverso.

 

Concludo, ricordando che il Premio Nobel per la Pace 2018 è stato assegnato a Denis Mukwege e a Nadia Murad per i loro sforzi nel porre fine all’uso della violenza sessuale come arma di guerra e conflitto.

25 novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Denis Mukwege e Nadia Murad – Nobel per la Pace 2018

Nadia Murad è una delle circa 3.000 ragazze e donne yazide che sono state vittime di stupri e altri abusi dai miliziani Isis. Gli abusi erano sistematici e facevano parte di una strategia militare.

Denis Mukwege è il ginecologo e attivista che ha ripetutamente condannato l’impunità per lo stupro di massa e ha criticato il governo congolese e altri paesi per non aver fatto abbastanza per fermare l’uso della violenza sessuale contro le donne come strategia e arma di guerra.

 

NON STIAMO IN SILENZIO!!!!

CHIAMA IL NUMERO ANTIVIOLENZA E STALKING 1522

25 novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *